Ramadan Kareem

Cos’è il Ramadan

Il Ramadan è il nono mese del calendario islamico, un periodo sacro per i musulmani in tutto il mondo. Durante il Ramadan, i fedeli digiunano dall’alba al tramonto per 29 o 30 giorni consecutivi, riflettendo sulla loro fede e dedicandosi alla preghiera e alla carità.

Ramadan, un mese di condivisione e solidarietà

Il digiuno durante il Ramadan è uno dei Cinque Pilastri dell’Islam, insieme alla professione di fede, alla preghiera, all’elemosina e al pellegrinaggio a La Mecca. È un modo per i musulmani di purificare il proprio corpo e la propria mente, e per sentirsi più vicini a Dio. Durante il digiuno, i fedeli evitano cibo e bevande durante le ore di luce del giorno, ma possono consumare un pasto prima dell’alba (Suhoor) e al tramonto (Iftar). Il digiuno durante il Ramadan non è obbligatorio per bambine e bambini, le persone anziane, le donne incinte o che allattano, le persone malate o coloro che sono in viaggio. Tuttavia, molti bambini e ragazzi scelgono volontariamente di digiunare, in solidarietà con le persone meno fortunate.

Oltre a digiunare, durante il Ramadan le persone musulmane si impegnano a essere più generose, fare del bene alle altre persone e vivere serenamente con la famiglia e la comunità. È un momento di pace, preghiera e riflessione, in cui i musulmani cercano di rinforzare il proprio legame con Dio e con la comunità. È un periodo sacro per i musulmani, in cui si praticano la preghiera, il digiuno e la carità. È un momento di auto-riflessione e di rinforzo della fede, in cui i fedeli cercano di avvicinarsi a Dio e alla comunità. È un periodo di pace e di solidarietà, in cui i musulmani si uniscono per ringraziare Dio per le sue benedizioni e per celebrare insieme la loro fede.

L’Eid al-Fitr, la fine del Ramadan

Il Ramadan si conclude con la festa di Eid al-Fitr, una celebrazione in cui le famiglie si riuniscono per festeggiare insieme. Durante l’Eid, le persone si scambiano regali, indossano abiti nuovi e partecipano a preghiere speciali nelle moschee. È un momento di gioia e gratitudine, in cui i musulmani ringraziano Dio per il loro periodo di digiuno e preghiera.

Ramadan in Italia

Anche in Italia moltissime persone festeggiano il Ramadan ogni anno. Durante questo mese di solidarietà e condivisione moschee, centri culturali organizzano iniziative ed eventi e famiglie e amici, anche non musulmani, si riuniscono. Anche molte istituzioni locali e scuole organizzano incontri e iniziative di sensibilizzazione che coinvolgono la comunità locale.

Ramadan nel 2024

Nel 2024, il Ramadan inizia l’11 marzo e termina il 10 aprile.

 

 

“Costruire Futuro, Insieme!”: voce ai ragazzi e alle ragazze di Roma

“Salta il turno!”  “imprevisto!” “Come stai? Ti va di parlare?” “Ti va di staccare un po’?”

Cosa sono queste frasi che si sentono nel corridoio? Non capisco. La scuola non era quel posto dove ci si annoia davanti ai libri? Cosa è successo in quell’aula scrausa? Mi avvicino e apro la porta e vedo un sacco di ragazzi che si divertono, immersi in un ambiente luminoso e familiare. Ora sono curioso. Vedo un ragazzo che si avvicina a me e mi chiede: “Vuoi unirti a noi?” Io rispondo, d’impulso, “perché no?” ed entro.

Che strano, non avrei mai pensato di rispondere così. Deve essere stato quel senso di amichevolezza che ho percepito fin da subito. Mi siedo e ci presentiamo: “Ciao sono Massimo, ti va di scoprire come è nato questo piccolo “paradiso”?” E così parte il suo racconto.  “Eravamo un gruppo di ragazzi e avevamo deciso di prendere parte ad un PCTO chiamato “Costruire Futuro insieme!”, il cui obiettivo era quello di creare uno spazio sicuro in cui passare del tempo in compagnia. “È stata dura?” chiedo io e lui: “È stato impegnativo, sai, prima di iniziare il progetto abbiamo dovuto analizzare la storia del quartiere di Tor Bella Monaca, i bisogni della comunità e poi dopo aver compreso che intorno ad esso girano molti stereotipi e che in realtà esiste una realtà diversa da quella che comunemente viene percepita abbiamo potuto iniziare il lavoro. Inizialmente ci eravamo focalizzati su cosa fare in questo spazio, per poi accorgerci che ciò di cui si necessitasse realmente non fosse altro che stare insieme FISICAMENTE tra ragazzi. Questa stanza non doveva essere nulla se non un semplice mezzo, una motivazione per stare insieme. Un luogo dove ci si diverte e nascono amicizie.” “Credi che abbia funzionato?” “All’inizio – visto tutto il nostro impegno – ci aspettavamo una grande affluenza di persone, ma così non è stato, almeno non da subito. Erano pochi i ragazzi che decidevano di raggiungere questo spazio, ma con il tempo abbiamo raggiunto il nostro obbiettivo di creare una piccola comunità. È stato importante crederci sempre, senza mai buttarsi giù, ricordando che anche le più grandi cose in fondo sono nate dai garage e che molti per raggiungere successo hanno dovuto affrontare prima una serie di delusioni. Adesso che mi avvicino alla conclusione di queste scuole superiori voglio lasciare a voi che state riempiendo questo spazio l’eredità di noi fondatori, voglio passarvi il testimone”

La chiacchierata è poi andata avanti a lungo, ma io mi sono fermato a quel passaggio di testimone. Ho capito quanto impegno è stato messo per la realizzazione di quel posto e mi sento motivato a portare avanti questo sogno che Massimo, attraverso il suo racconto, è riuscito a trasmettermi.

 

Flavio Di Vito – Valerio Di Vito – Emanuele Pellegrini, studenti del Liceo Amaldi di Roma.

 

Questa news è stata realizzata nell’ambito dei percorsi di educazione tra pari dalle studentesse e studenti del progetto Costruire Futuro, Insieme! 2, promosso da ActionAid Italia e Fondazione Cassa Depositi e Prestiti

Pasqua (in)sostenibile

In Italia, ogni persona consuma in media 4kg di cioccolata all’anno, ossia circa 11grammi al giorno, con picchi in alcuni momenti dell’anno come per esempio la Pasqua. Ogni territorio ha i propri piatti tipici che vengono cucinati per Pasqua ma c’è una cosa che non può mai mancare: l’uovo di Pasqua. Al latte o fondente, grande o piccolo con una sorpresa all’interno e di tantissimi colori diversi…gli scaffali di negozi e supermercati si sono già riempiti da tempo con uova al cioccolato per tutti i gusti.

Ma…vi siete mai chiesti da dove viene la cioccolata? L’ingrediente principale è il cacao, una pianta originaria dell’America Latina che in epoca coloniale è stata esportata anche in Africa e Asia. L’industria del cacao rappresenta un caso studio molto interessante per analizzare le pratiche di produzione e consumo da un punto di vista globale: ci mostra quanto gli attuali modelli di produzione e consumo siano insostenibili da un punto di vista economico, sociale e ambientale ma promuove al suo interno anche pratiche dal basso di agricoltura organica e agroecologia volte a una transizione verso modelli sostenibili.

L’ONG Mani Tese ha prodotto, all’interno del progetto Food Wave di cui anche ActionAid è partner, un dossier sull’industria del cacao in Costa d’Avorio, il più grande produttore mondiale, che ci permette di identificare alcuni elementi che caratterizzano l’intera industria a livello globale:

Perdita della biodiversità

Negli ultimi anni le piante di cacao sono state colpite da numerose malattie, anche a causa dei cambiamenti climatici che hanno totalmente stravolto gli ecosistemi locali. Per far fronte alla perdita di produzione, molti produttori hanno puntato sulla deforestazione per ricavare nuove terre coltivabili fertili e sull’utilizzo di pesticidi per debellare le malattie. A partire dalla consapevolezza che la distruzione degli ecosistemi locali non può essere la risposta alla crisi climatica, alcuni produttori si sono uniti in cooperative e hanno deciso di adottare tecniche di produzione organiche e agroecologiche, dimostrando che produzione agricola e protezione degli ecosistemi locali non si escludono a vicenda.

Squilibri tra Nord e Sud del Mondo

Il cacao, ossia la materia prima alla base della cioccolata, viene prodotto tendenzialmente nei paesi del Sud Globale, mentre la trasformazione avviene tendenzialmente nel Nord del Mondo. Gli agricoltori subiscono i prezzi imposti dai produttori nel Nord Globale che trasformano la materia prima in cioccolata. La continua corsa al ribasso dei prezzi sta rendendo insostenibile per gli agricoltori la produzione di cacao, spingendoli verso altre colture, mentre i profitti restano in mano ai produttori di cioccolata.

Lavoro dignitoso

Anche il tema del lavoro dignitoso emerge fortemente: quella del cacao è un’industria dove è ancora presente il lavoro minorile e viene violato il diritto all’istruzione di bambini e ragazzi. A ciò si aggiunge che i prezzi della materia prima sono schiacciati verso il basso, rendendo di fatto difficile la sopravvivenza delle famiglie.

 

Per approfondire potete fare riferimento al dossier di Mani Tese che analizza l’industria del cacao in Costa d’Avorio attraverso le storie di produttori e produttrici locali e trovate  qui: The-unsustainable-price-of-cocoa-IT.pdf (foodwave.eu)

S(hell): l’inferno del petrolio nel Delta del Niger

Non c’è più tempo: stop ai combustibili fossili

“Le combustioni di gas sono un’oppressione per questa comunità, che non potrà mai più coltivare nulla. Bisogna fare qualcosa”, afferma Alice Goldsmith, leader di una comunità del Delta del Niger in Nigeria e una delle protagoniste del breve documentario S(hell), realizzato da ActionAid per mostrare gli impatti devastanti dell’industria del petrolio sull’area del Delta del Niger. 

Il documentario è stato lanciato proprio in occasione di COP28, per rilanciare con forza l’appello ai Paesi industrializzati ad abbandonare una volta per tutte le fonti fossili e abbracciare una transizione giusta e sostenibile, che includa anche i Paesi più poveri, dove da sempre le risorse naturali vengono sfruttate a vantaggio di altri. 

Come evidenzia Teresa Anderson, responsabile globale per la giustizia climatica di ActionAid International: “La scienza ha dimostrato che stiamo vivendo con il tempo contato. L’unico modo per uscire da questa situazione è eliminare gradualmente i combustibili fossili in modo rapido, equo e per sempre. È ora di aumentare le energie rinnovabili per soddisfare il fabbisogno energetico delle persone e risolvere allo stesso tempo la crisi climatica.  Non possiamo limitarci ad annunciare obiettivi per i Paesi a basso reddito e non fornire i fondi per realizzarli. Gli obiettivi globali devono essere ambiziosi e devono essere finanziati, se vogliamo che valgano più della carta su cui sono scritti”. 

Il caso del Delta del Niger è eclatante: qui le fuoriuscite di petrolio e il gas flaring, ossia la pratica che consiste nel bruciare il gas naturale in eccesso estratto insieme al petrolio, hanno letteralmente distrutto la vita delle persone e l’ecosistema naturale. 

A seguito delle attività condotte da Shell, il territorio della comunità di Erhoboro un tempo fertile e pescoso è ora inquinato a livelli preoccupanti, con impatti sulla vita e sulla salute delle persone. L’acqua dei fiumi non si può più bere né utilizzare per la coltivazione dei campi e così alle famiglie non resta altro che disboscare le foreste e vendere il legname, pur di guadagnarsi da vivere. 

Andrew Mamedu, Direttore di ActionAid Nigeria, afferma: “Mentre il mondo, e in particolare le comunità del Sud globale, sono alle prese con gli effetti del riscaldamento globale, attività come il gas flaring non sono più sostenibili. L’esplorazione dei combustibili fossili è la causa principale della crisi climatica. Se vogliamo rimanere al di sotto della soglia di 1,5 gradi Celsius, come dichiarato nell’Accordo di Parigi, dobbiamo vietare l’esplorazione e l’uso dei combustibili fossili. La narrativa secondo cui il gas è un combustibile pulito e può essere utilizzato per la transizione verso le energie rinnovabili è guidata da società avide che mirano solo ai profitti. La vita delle persone deve venire prima di tutto”.  

La storia di Lea Garofalo

Lea Garofalo nasce nel 1974 a Petilia Policastro, un paese di montagna in provincia di Crotone. Cresce in una famiglia ‘ndranghetista e rimane orfana di padre a nove mesi. Molto giovane si innamora di Carlo Cosco, anche lui parte di una famiglia di mafia, e lo segue a Milano dove nasce sua figlia Denise nel 1991.

Nel 1996, Carlo Cosco viene arrestato e Lea decide di lasciarlo. Lea si trasferisce con la figlia Denise a Bergamo e inizialmente sembra andare tutto bene ma nel 2002 alcuni episodi le fanno capire che è in pericolo e decide di rivolgersi ai carabinieri, ai quali inizia a raccontare tutto quello che sa. Entra nel programma di protezione testimoni e madre e figlia si trasferiscono a Campobasso. Sono anni difficili per Lea, che soffre del fatto di essere considerata collaboratrice di giustizia, una “pentita”, invece che una testimone.

Nel 2006 le viene revocata la protezione testimoni perché le sue dichiarazioni non vengono ritenute attendibili e non hanno prodotto risultati. Lea si batte finché nel 2007 non viene riammessa al programma di protezione ancora come collaboratrice di giustizia e testimone. Questo spinge Lea a lasciare volontariamente il programma nel 2009 e riprendere i rapporti con la Calabria. Un anno prima, nel 2008, conosce e racconta la sua storia a Don Luigi Ciotti di Libera, che la metterà in contatto con la sua avvocata Enza Rando.

Nonostante gli anni trascorsi, i Cosco non l’hanno mai perdonata e incaricano Massimo Sabatino di rapirla e ucciderla. Il piano fallisce e Lea denuncia l’accaduto con una lettera al Presidente della Repubblica. A novembre del 2009, Carlo Cosco la convince a raggiungerlo con Denise a Milano per parlare del futuro della figlia. Il 24 novembre Cosco riesce a separare madre e figlia e porta Lea in un appartamento dove la uccide. Il corpo viene portato fuori città e dato alle fiamme finché non rimane alcuna traccia. Denise non vede rientrare la madre e inizia a sospettare che dietro alla sparizione ci sia il padre. Denise è determinata a scoprire la verità e decide di raccontare tutto ai Carabinieri. Sarà proprio Denise la testimone chiave per scoprire tutta la verità.

 

Per approfondire:

Lea Garofalo (libera.it)

Enciclopedia delle donne | Biografie | Garofalo Lea: Petilia Policastro (KR) 1974 – Milano 2009

Lea Garofalo – WikiMafia

Costruire Futuro, Insieme 2: racconti da Tor Bella Monaca

«Costruire Futuro, Insieme!» è un progetto ActionAid promosso dalla Fondazione Cassa Depositi e Prestiti per aumentare la partecipazione civica di ragazzi e ragazze e di tutta la comunità educante attraverso lo sviluppo e il rafforzamento di competenze cognitive, relazionali e sociali che incidano sul legame tra esclusione sociale e povertà educativa e favorire la piena realizzazione degli individui e, di conseguenza, di una società più consapevole e coesa.

In seguito alla prima fase del progetto, svoltasi nell’a.s. 2021/2022, il presente intervento ruota intorno ad attività youth led, guidate cioè direttamente dai ragazzi e dalle ragazze in stretta relazione con le rispettive comunità educanti, così da garantire anche una solida sostenibilità futura da parte delle scuole e delle comunità locali in caso di nuove situazioni emergenziali.

L’intervento si sviluppa in cinque territori (Siracusa, Palermo, Reggio Calabria, Roma e Milano) sulla capacity building dei ragazzi/e (11-19 anni) e della comunità educante, coinvolta attraverso la creazione di reti sul territorio. In ciascuna area territoriale l’intervento viene realizzato in partnership con una scuola (5 in totale) – come polo centrale di sviluppo. In fase di co-progettazione, ogni scuola definisce con ActionAid il programma da attuare sul territorio in base alle proprie esigenze

Loredana, educatrice sul territorio di Roma ci racconta del percorso avviato a Tor Bella Monaca: “Guardare il quartiere con occhi nuovi e superare le etichette, uscire dalla propria zona di comfort ed imparare a confrontarsi tra pari e con adulti, far sentire la propria voce come individuo e come rappresentate di un gruppo, di una generazione”.

Un percorso -quello di Costruire Futuro Insieme- che è prima di tutto un percorso educativo e formativo che sta accompagnando dei e delle giovani a fare nuove esperienze e a capire il significato di comunità e di partecipazione… di cambiamento. Un cambiamento vissuto a livello individuale – con la valorizzazione delle proprie capacità e l’acquisizione di nuove competenze, di gruppo – attraverso un lavoro tra pari rappresentativo di istanze giovanili, comunitario – con la realizzazione di uno spazio aperto al quartiere, progettato insieme alle realtà che lo animano e vivono.

Tor Bella Monaca, studenti e studentesse del Liceo Amaldi, dopo una prima fase di analisi dei bisogni dei e delle giovani, hanno avviato un percorso di coprogettazione con diverse realtà del territorio e soggetti della comunità educante con l’obiettivo di pensare uno spazio (Education Hub) che sappia rispondere alle esigenze dei e delle giovani, ma anche attrarle/i attraverso attività e iniziative vicine alle loro passioni. Sono già stati realizzati 4 laboratori di comunità per confrontarsi con la comunità educante rispetto alla creazione dell’Education Hub.

La strada è tracciata, ma il progetto ancora tutto da costruire. Tante idee che pian piano prenderanno forma e che sicuramente troveranno concretezza in uno spazio che parlerà di ragazze e ragazzi, di un territorio e di sogni.

Cosa pensano ragazze e ragazzi della violenza?

Cosa pensano gli e le adolescenti

  • 4 su 5 pensano che una donna possa sottrarsi a un rapporto sessuale se davvero non lo vuole. 
  • 1 su 5 pensa che l’abbigliamento o un comportamento provocante delle ragazze possa scatenare una violenza sessuale. 
  • 1 su 3 crede che molte persone si identifichino come non binarie/fluide/trans per una moda del momento. 

Sono solo alcuni dei dati emersi dall’indagine “I giovani e la violenza tra pari” che Ipsos ha condotto per noi di ActionAid intervistando circa 800 ragazze e ragazzi tra i 14 e i 19 anni. 
Grazie a questa ricerca, abbiamo una fotografia di cosa pensano gli adolescenti sulla violenza, come reagiscono, come si difendono e quale è il ruolo degli stereotipi e dei pregiudizi di genere sulla loro vita.  
Sono concordi su chi commette atti di violenza in Italia: i ragazzi maschi, soprattutto se in gruppo, e gli uomini adulti.
Eppure, restano incertezze su quali siano comportamenti violenti e quali no. Una mancanza di chiarezza su cosa e dove sia la violenza. 
Per questo è urgente parlare di educazione all’affettività e alla sessualità. 

Serve educazione all’affettività 

“I dati confermano quanto ActionAid osserva nelle scuole da anni e cioè la necessità di occuparsi di violenza oltre bullismo e cyberbullismo, che colpiscono soprattutto gli under 14. La violenza tra adolescenti ha le radici nella società patriarcale che ancora oggi influenza il processo di crescita delle nuove generazioni e non permette di sovvertire dalle fondamenta la cultura dello stupro” spiega Maria Sole Piccioli, nostra Responsabile Education di ActionAid.  

“La proposta del Ministro Valditara di introdurre l’educazione sessuale nelle scuole superiori non può bastare: è necessaria una formazione obbligatoria co-progettata per docenti e studenti di tutti i cicli scolastici con personale esperto autonomo e laico, la presenza a scuola di tutor per la prevenzione e la gestione dei casi; vanno introdotti di codici anti-molestia, di bagni neutri e delle Carriere Alias. Chiediamo che il Ministero dell’Istruzione e del Merito trasformi in politiche concrete queste proposte: vogliamo l’integrazione del Piano nazionale di educazione al rispetto del 2017 e fondi stabili per spazi e supporto psicologico, che devono essere presenti in ogni istituto scolastico”. 

Al centro delle richieste di ActionAid c’è un’educazione all’affettività e sessualità che non si concentri solo sugli aspetti biologici, ma anche su quelli psicologici, sociali ed emotivi, come raccomandato dall’Unesco e dall’OMS.  

 

 

I dati Ipsos: ma perché si diventa oggetto di violenza? 

Al primo posto della ricerca Ipsos, realizzata nell’ambito del progetto Youth For Love Italia finanziato attraverso i fondi 8×1000 dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, come causa di violenza vengono indicate le caratteristiche fisiche (50%), poi l’orientamento sessuale (40%) e l’appartenenza di genere (36%).  
Per quanto riguarda i danni invece, il primo indicato dal 27% degli intervistati, senza distinzione di genere, è il malessere psicologico, al secondo posto isolamento e depressione (21%) e al terzo posto disagio e vergogna (18%). 
Emerge poi la difficoltà a denunciare. La vergogna di raccontarlo agli adulti è la prima motivazione. Seguono la paura di dirlo, l’inutilità della denuncia, nonché la paura di ulteriori minacce da parte dell’aggressore. 
Infine è la fascia d’età 17-19 appare la più colpita da atti violenti, dato che può derivare da una maggior consapevolezza di quanto viene vissuto. 

Cosa è violenza? 

Per l’80% dei giovani, quattro su cinque, è violenza toccare le parti intime di qualcuno senza il loro consenso, mentre uno su cinque non riconosce questa violenza. Al secondo posto è considerata violenza picchiare qualcuno, comportamento che registra il 79% dei consensi, in assoluto quello più citato dai maschi. Al terzo posto, con il 78%, fare foto/video in situazioni intime e diffonderle ad altre persone, soprattutto per le ragazze con 84% delle citazioni.  

Chi la subisce? 

Sono le ragazze, più dei ragazzi, a vivere con maggior frequenza atti di violenza tra pari, in qualsiasi forma essa si manifesti: molto più spesso dei coetanei assistono a gossip, prese in giro, insulti, scherzi, esclusione di persone dai gruppi, a situazioni in cui le parti intime di una persona vengono toccate senza il suo consenso, alla diffusione non consensuale di foto e video di situazioni intime. Inoltre, le ragazze rischiano più spesso di ricevere molestie verbali mentre camminano per strada, di essere toccate nelle parti intime, di essere vittime di scherzi o commenti a sfondo sessuale e della diffusione di foto/video che le ritraggono in situazioni intime. 

I ragazzi invece rischiano principalmente di essere picchiati e le persone transgender/fluide/non binarie di venire insultate.    

Il progetto nelle scuole “Youth For Love” 

Youth for love”  è un programma attivo da oltre quattro anni a livello italiano e europeo, realizzato in Italia da ActionAid. Tra le scuole italiane protagoniste dell’ultima edizione ci sono l’istituto cine-tv Roberto Rossellini di Roma, il Centro di Formazione Professionale Paullo e l’istituto Oriani Mazzini di Milano. Youth For Love è attivo in altre 10 scuole tra Milano, Roma, Agrigento, Palermo, Siracusa e Reggio Calabria nell’attuale edizionrealizzata attraverso i fondi 8×1000 dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai.  

L’obiettivo è prevenire, individuare e affrontare la violenza tra pari e la violenza di genere nelle scuole superiori (14-18 anni). Del programma integrato di formazione, empowerment e peer to peer hanno fatto parte 2800 studenti, 600 tra insegnanti e personale scolastico, 60 genitori/tutori dell’istruzione e secondaria di primo e secondo grado. Altri 150 giovani, 320 tra attori locali e istituzioni sono stati impegnati in percorsi di coprogettazione di pratiche comunitarie per prevenire e gestire la violenza e attività di advocacy nazionale. Intorno a tre milioni le persone coinvolte attraverso campagne online e un webgame interattivo dedicato agli adolescenti.  

Una scuola differente parte da noi: possiamo tutto!

Negli ultimi anni si è sempre di più diffuso e rafforzato l’immaginario dei giovani come generazione disillusa, pigra e che non ha voglia di fare nulla. Ma è veramente così?  

Come emerge anche dalla seconda stagione del Podcast “La Mia Parte”, prodotto da ActionAid in collaborazione con Chora Media, la realtà dei fatti sembra essere un’altra. 

I giovani sono molto consapevoli dei problemi ma anche dei propri diritti e riescono a immaginare e introdurre delle reali alternative alle molteplici crisi che stiamo vivendo e si intersecano tra loro: crisi climatica, crisi economica, crisi dei diritti sociali e civili ma anche crisi della democrazia e rappresentanza.  

La società però non solo non riconosce il potenziale trasformativo dei e delle giovani, ma lì dove provano a far sentire la propria voce, a rivendicare spazi e diritti e a proporre alternative li reprime, stigmatizza o accusa di essere (eco)vandali. 

Le scuole sono purtroppo uno specchio della società più ampia, quando invece dovrebbero rappresentare un luogo di crescita personale e collettiva in cui si possano non solo apprendere nozioni ma si possa anche imparare ad essere cittadini attivi che non subiscono passivamente le scelte che li riguardano. Non a caso, parliamo di scuola come palestra di democrazia.  

La petizione “Possiamo tutto!” 

È a partire da queste consapevolezze che più di due anni fa come ActionAid e Unione degli Studenti abbiamo deciso di collaborare e lanciare, a partire dalle rivendicazioni del Manifesto per la Scuola Pubblica e della Piattaforma “I diritti non si meritano”, la campagna “Possiamo Tutto” per chiedere una riforma degli spazi e strumenti di partecipazione e rappresentanza studentesca.  

Da oggi è possibile firmare la nostra petizione per fare sì che gli studenti e le studentesse abbiano più potere rispetto alle decisioni che li e le riguardano.

Le nostre richieste 

A partire da bisogni e rivendicazioni di studenti e studentesse abbiamo identificato le seguenti richieste prioritarie per rafforzare la partecipazione e rappresentanza studentesca: 

  • L’aumento del numero di rappresentanti degli studenti nel Consiglio d’istituto.
  • L’istituzione in ciascun istituto superiore di una commissione paritetica docenti-studenti, finalizzata a formulare proposte riguardanti la didattica, la valutazione, l’orientamento, il PTOF (Piano dell’offerta formativa), l’istruzione integrata, le alleanze della scuola con il territorio, la didattica transfemminista, la salute e il benessere degli e delle adolescenti.
  • L’introduzione di ore curricolari obbligatorie, rivolte a studenti e docenti, dedicate ai principi della partecipazione e al funzionamento degli organi collegiali e una maggiore focalizzazione dell’educazione civica in questo ambito.
  • Il rafforzamento e l’attribuzione di potere decisionale alle consulte studentesche e agli organi nazionali di rappresentanza nell’ambito del Ministero dell’Istruzione e ampliare lo statuto delle studentesse e degli studenti.

Questa proposta permette di aumentare la decisionalità di studentesse e studenti all’interno delle loro scuole e sulle materie di loro interesse. L’obiettivo finale della nostra campagna però non riguarda la rappresentanza fine a sé stessa, ma vuole far sì che questa possa fare da ponte per permettere una partecipazione più ampia possibile dei giovani studenti e studentesse.

Se una classe, ad esempio, volesse introdurre delle ore di educazione sessuale e all’affettività o approfondire argomenti specifici, ad oggi non avrebbe gli strumenti per farlo. L’introduzione di un organo come la commissione paritetica consentirebbe invece a studenti e studentesse di confrontarsi e avere maggiore voce in capitolo rispetto ai programmi didattici.  

Questo è solo un esempio di come aumentare la rappresentanza studentesca significhi aumentare la partecipazione, condizione essenziale per formare cittadini e cittadine emancipate e con pensiero critico, non subordinate alla società che li circonda, ma capaci di cambiarla in meglio. 

 

FIRMA ANCHE TU LA PETIZIONE!

La Convenzione ONU per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza

La Giornata Mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si celebra il 20 novembre di ogni anno. La data scelta coincide con il giorno cui l’Assemblea generale ONU adottò la Dichiarazione dei diritti del fanciullo, nel 1959, e la Convenzione sui diritti del fanciullo, nel 1989. In particolare, il 20 novembre 2023 ha sengato i 34 anni dall’approvazione della CRC (Convention on the Rights of the Child). Questi documenti sono la base giuridica per la protezione dei diritti delle bambine e dei bambini, in Italia e nel mondo.

Conflitti, povertà, fame e crisi climatica stanno spingendo milioni di bambine e bambini sull’orlo del baratro. Nel mondo, circa 468 milioni di bambine e bambini, cioè più di 1 su 6, vive in una zona di guerra e sono 160 milioni i bambini e le bambine tra i 5 e i 17 anni, nelle maglie dello sfruttamento e del lavoro minorile, mentre si stima che 29,9 milioni di ragazze adolescenti vivano nei 10 Paesi con il più alto numero di matrimoni infantili.

Ancora una volta, i dati sottolineano l’importanza di perseguire gli impegni presi e aumentare gli sforzi fatti finora per assicurare la protezione e il rispetto dei diritti dei bambini nel mondo, in un momento in cui questi sono messi particolarmente a rischio.

Per approfondire: 20 novembre: Giornata internazionale dei diritti dei bambini (actionaid.it)

Presentazione del 13° rapporto di aggiornamento della CRC in Italia

Il 21 novembre 2023, il Gruppo CRC ha pubblicato il 13° Rapporto di aggiornamento sul monitoraggio della CRC in Italia (13° Rapporto CRC). ActionAid, da quest’anno è entrata a far parte del gruppo di lavoro, in particolare contribuendo su tematiche quali violenza, partecipazione, contrasto alla dispersione scolastica e cittadinanza.

Dal rapporto è emerso come, da un lato, la situazione attuale in Italia ritrae una quotidianità in cui ragazze e ragazzi esprimono in modi diversi un malessere diffuso che tocca tutte le sfere esistenziali e che coinvolge le diverse fasce d’età. Senza subbio, crisi economiche ricorrenti, crescenti disuguaglianze, pandemia, guerre non fanno altro che creare malessere e rendere il futuro sempre più incerto e precario.

Dall’altro lato, resta viva in molti bambini e ragazzi, sia la consapevolezza delle sfide e degli ostacoli che il mondo sta attraversando, sia la forte volontà di impegnarsi personalmente e collettivamente per affrontarle. Su questo aspetto si può e si deve far leva per rendere bambini e ragazzi più protagonisti del loro presente e del loro futuro.

Dunque, è essenziale e doveroso che gli adulti si assumano le proprie responsabilità e riconoscano le lacune del sistema attuale in modo da avviare un ripensamento delle politiche per l’infanzia e l’adolescenza che coinvolga l’intera comunità educante e che sia sostenibile nel lungo periodo. Quindi, è importante porsi all’ascolto di ragazze e ragazzi, promuovendo il loro protagonismo e tenendo conto dei loro bisogni e della loro opinione per vedere la piena attuazione dei loro diritti.

Il Gruppo CRC, facendo leva anche sul prossimo appuntamento con il Comitato ONU, vuole portare l’attenzione delle istituzioni sulle problematicità di questo sistema, valorizzando i punti di forza emersi delle molteplici esperienze condotte a livello territoriale, per avviare un cambiamento sistematico che veda tutti gli attori protagonisti farsi carico delle esigenze di una generazione sospesa tra sogni e incertezze.

 

Possiamo Tutto!

La campagna Possiamo Tutto

POSSIAMO TUTTO. Siamo la generazione che cambierà l’Italia a partire dalla scuola” ha trasformato le richieste di studenti e studentesse in proposte di cambiamento legislativo, per rafforzare la partecipazione attiva degli e delle studentesse alle politiche educative, fornendo maggiori strumenti per potenziare la loro leadership, partendo dalle forme di rappresentanza che la normativa già prevede. Il Manifesto della rappresentanza e della partecipazione studentesca riassume i punti prioritari di richiesta della campagna, iniziata a settembre 2022 da Unione degli Studenti ed ActionAid, e ulteriormente rilanciata durante l’Assemblea della rappresentanza dell’11-13 febbraio 2023 a Roma. Le richieste della campagna sono state presentate e discusse a settembre 2023 in occasione del Festival della Partecipazione a rappresentanti del parlamento e della società civile con l’obiettivo di avviare un iter legislativo che porti a una riforma degli organi collegiali della scuola.

 

Richieste della campagna

Riteniamo che un potenziamento della rappresentanza studentesca, unita ad una vera promozione della cultura democratica a scuola antidoto alle diseguaglianze, possa aumentare la nostra capacità di incidere e stimolare un numero sempre maggiore di giovani a coinvolgersi.

Per questo chiediamo:

  1. l’aumento del numero di rappresentanti degli studenti nel Consiglio d’istituto
  2. l’istituzione in ciascun istituto superiore di una commissione paritetica docenti-studenti, finalizzata a formulare proposte riguardanti la didattica, la valutazione, l’orientamento, il PTOF (Piano dell’offerta formativa), l’istruzione integrata, le alleanze della scuola con il territorio, la didattica transfemminista, la salute e il benessere degli e delle adolescenti
  3. l’introduzione di ore curricolari obbligatorie, rivolte a studenti e docenti, dedicate ai principi della partecipazione e al funzionamento degli organi collegiali e una maggiore focalizzazione dell’educazione civica in questo ambito
  4. il rafforzamento e l’attribuzione di potere decisionale alle consulte studentesche e agli organi nazionali di rappresentanza nell’ambito del Ministero dell’Istruzione e ampliare lo statuto delle studentesse e degli studenti.

Vuoi saperne di più?