Seguici su
Agente 0011

Festival dei Giovani: il contributo del team “Le querce”

13 aprile 2018
Condividi:
Attraverso la missione Il Festival dei Giovani® abbiamo invitato gli Agenti 0011 a realizzare un filmato con cui raccontare come hanno inserito principi dell'Agenda 2030 nella loro quotidianità.



Complimenti a tutti i partecipanti, ma come indicato nel regolamento della missione abbiamo potuto premiare solo due team che vinceranno la possibilità di partecipare al Festival e di presentare il loro lavoro a Gaeta l’11 e il 12 Aprile.



Si tratta dei:

  • Team "Le Querce”, Scuola Secondaria di II Grado Francesco Morano, Caivano (NA).

  • Team "Grimaldini", Classe 5DE, Istituto Principi Grimaldi, Modica (RG) 




Vi presentiamo il contributo del team Le Querce. 



Noi nativi ambientali per la lotta al cambiamento climatico



L’uomo si rivela, anno dopo anno, sempre più “vorace” e le risorse naturali, quelle che la Terra è in grado di rigenerare da sola, si esauriscono sempre prima.

L’Earth Overshoot Day, è il giorno in cui la popolazione mondiale consuma tutte le risorse terrestri disponibili, per il 2018 arriva nei primi giorni dell’ottavo mese (Agosto).

Il nostro pianeta viene sovrasfruttato a seguito di un tasso di consumo 1,7/2 volte più veloce della capacità naturale degli ecosistemi di rigenerarsi.

Lo dimostra il fatto che ogni anno questa giornata ricorre sempre prima a causa dell’aumento dei consumi mondiali di natura che comprendono frutta e verdura, carne e pesce, acqua e legno. L’anno scorso era stata celebrata l’8 agosto, due anni fa il 13 agosto, nel 2000 a fine settembre.

Bisogna invertire la tendenza, attraverso una campagna #allontanaladata, cercando di posticipare l’Earth l’Overshoot Day.

Se riuscissimo a spostare in avanti questa data di 4/5 giorni ogni anno, spiegano, ritorneremmo “in pari” con l’uso di risorse naturali entro il 2050.

Si può contribuire con piccole azioni, un esempio sarebbe quello di diminuire le emissioni di anidride carbonica o abbattere la stessa attraverso con la reazione della fotosintesi.

6 CO2+ 6 H2O  =  C6H12O6+ 6 O2

 

Il 60% di questo budget è rappresentato dalla richiesta di natura per l’assorbimento delle emissioni di anidride carbonica. I costi di questo crescente sbilanciamento ecologico stanno diventando sempre più evidenti nel mondo e li vediamo sotto forma di deforestazione, siccità, scarsità di acqua dolce, erosione del suolo, perdita di biodiversità e accumulo di anidride carbonica nell’atmosfera e cambiamenti climatici.

#movethedate: sposta la data verso la sostenibilità. Questo lo possiamo fare centrando diversi obiettivi.


  1. Piantumando alberi

  2. La mobilità di noi studenti 

  3. Mobilitandoci Il 22 aprile 2018 data della “Giornata Mondiale della Terra”    


Primo obiettivo: Il Team “10 Querce” un gruppo di giovani studenti, guidati dal loro docente di Scienze, intende diventare dei “nativi per la sostenibilità ambientale”, ragazzi che vogliono sperimentare la possibilità di onorare il loro motto “Ognuno di noi nel 2018 pianterà 10 querce

Per far fronte all’emergenza ci vuole più ossigeno e ridurre l’anidride carbonica per diminuire l'effetto serra. Secondo i dati di alcuni studi, mettendo a dimora dieci piante (per ognuno di noi) risparmieremmo all’ambiente circa 6 tonnellate di CO2, pari alla quantità emessa da un pendolare che in un anno effettui 200 volte una tratta di 150 km in automobile!!!

Piantare alberi, arbusti e siepi può essere un piano per il recupero della fauna e della flora locale. 

Perché adottare un albero? Adottandone uno potrai prenderti anche tu cura del tuo territorio! 

Piantare alberi è un’attività che non garantisce alcun ritorno economico, tangibile nell’immediato ma nel tempo può avere un ritorno importante nel portare la salute al pianeta. Un albero accoglie forme di vita vegetali, offre dimora, riparo e cibo per piccoli insetti, api e uccelli ed altri mammiferi e produce ossigeno e abbatte l’anidride carbonica. Tutto temi che riguarda la difesa della biodiversità e lotta al cambiamento climatico.

Secondo obiettivo: In una classe formata da 24 alunni abbiamo calcolato la loro distanza media dalla scuola, è risultata essere di 1,7 Km. 

Tale percorso a passo d’uomo normale può essere fatto in 15/20 minuti, in bicicletta 10 minuti o anche meno.

Abbiamo fatto quattro conti con questi risultati espressi in tabella:

Essere accompagnati dai genitori in auto distanza percorsa in A/R = 3,4 Km

200 sono i giorni di presenza scolastica, un genitore accompagnando il figlio a scuola percorre 680 Km.

In una classe, se viene accompagnato il 50% degli alunni il totale dei Km è pari a 8160

Un auto che con un litro percorre 15 Km = c’è un consumo di 544 litri di carburante

 

Il nostro obiettivo è di convincere il 25% degli alunni pari a 200 a una diversa mobilità per avere un risparmio di 25 tonnellate di anidride carbonica prodotta. 

La nostra inchiesta “ Terra di Lavoro  o terra di plastica”

Con i componenti del Team abbiamo girovagato per le campagne del nostro Territorio e abbiamo fatte foto e alcune riprese e…… ci siamo posti una domanda: Quale cultura ambientale hanno i coltivatori, i produttori e i consulenti agrari per le aziende che seminano le nostre campagne? 

Il nostro territorio appartiene alla piana fertile Terra di Lavoro e infatti vi sono molte aziende agricole che producono ortaggi sotto serra che poi verranno venduti sui mercati regionali e nazionali.

Molte di queste aziende vengono seguite da esperti agronomi. Dalle immagini riportate possiamo dire che sia i coltivatori, i produttori che gli Agronomi hanno o fanno poco per il rispetto del Territorio, per la salute del consumatore e delle norme giuridiche per il riciclo dei materiali plastici utilizzati in agricoltura. 

Abbiamo osservato quantità spaventose di prodotti in polietilene quali: teli nero film polietilene che utilizzano per la pacciamatura, i teli bianchi ricoprenti le serre, Telo per serra Film in Polietilene 150 Micron, contenitori di polistirolo espanso per piantine da fiori e ortaggi, manichette, funi per tiraggio eee …… altro.

Riunitici tra noi ne abbiamo discusso e preso delle iniziative.

  1. Denuncia agli organi preposti.

  2. Dare una patente a punti, e utilizzare lo stesso metodo della patente di Guida, chi infrange il codice viene multato, paga e deve partecipare a corsi per il recupero e la riqualificazio3 ne del territorio agricolo.

  3. La domenica del 22 Aprile è la Giornata Mondiale della Terra dove raccoglieremo tali rifiuti e li consegneremo alla ditta specializzata per il recupero e riciclaggio di questi materiali 


Questa iniziativa verrà svolta insieme con alcuni soggetti associativi quali: il Giornale di Caivano. La protezione civile, le Guardie Ambientali D’Italia e cittadini sensibili a queste tematiche.  

Il modo migliore per fare una cosa è farla.

Il futuro dipende da ciò che si fa oggi.

Vi terremo aggiornati.

 



 

Ricerca

join the community