Seguici su
Agente 0011

Dieci anni per agire! Attuiamo insieme l’Agenda 2030

17 febbraio 2020
Condividi:
Il 2020 è un anno molto importante per l’Agenda 2030. Infatti, sono passati cinque anni dalla sua firma da parte dei 193 Paesi delle Nazioni Unite (settembre 2015), nonché dall’adozione dell’Accordo di Parigi sulla lotta al cambiamento climatico (dicembre) e dalla pubblicazione dell’enciclica “Laudato si’” di Papa Francesco (maggio), che in tutto il mondo è diventata il punto di riferimento per un’etica condivisa per lo sviluppo umano e la salvaguardia della nostra terra.

Il 2020 rappresenta, inoltre, l’inizio del “decennio di azione per il conseguimento degli SDGs” lanciato nel corso dell’Assemblea Generale del’Onu del settembre 2019.

Le Nazioni unite, a inizio anno, hanno avviato la “Decade of action”, programma che prevede soluzioni per tutte le maggiori sfide richieste dai 17 Obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 dell’Onu (Sustainable Development Goals – SDGs nel loro acronimo inglese), che vanno dalla povertà alle questioni di genere, al cambiamento climatico e alle disuguaglianze.

Il piano prevede diversi campi di realizzazione: soluzioni per lo sfruttamento efficiente delle risorse in tutto il mondo; azioni dei singoli Stati per stimolare politiche sostenibili; impegno individuale da parte della società civile (in particolare giovani, media e settore privato).

Nella campagna della Decade of action si sottolinea la necessità di conseguire risultati concreti e immediati per i più bisognosi, come: migliorare tecnologia delle batterie a energia rinnovabile; destinare finanziamenti per i Paesi che rischiano seri danni a causa dei cambiamenti climatici; togliere gli aiuti finanziari ai combustibili fossili (come carbone e petrolio); far capire il bisogno di estendere a tutto il mondo un’alimentazione che rispetti gli SDGs, che sia quindi sostenibile dal punto di vista ambientale e che sia accessibile a tutti.

La campagna porterà a un nuovo evento annuale, “SDG moment”, che si terrà durante l’High-level political forum (Hlpf) dell'Assemblea generale Onu e dovrebbe favorire la condivisione di modelli di sviluppo sostenibili, evidenziando le aree di miglioramento per i singoli Paesi e i mezzi per soddisfare gli SDGs.

Il primo “SDG moment” avrà luogo nel settembre 2020, che celebrerà anche il 75esimo anniversario delle Nazioni unite.



Responsabilità editoriale e i contenuti dell’articolo sono a cura dell’Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile (ASviS)

Ricerca

join the community