Malala Yousafzai e il diritto all’istruzione

13 Ottobre 2017
Malala è una ragazza pakistana, ha 20 anni e nel 2014 ha vinto il Premio Nobel per la Pace per il suo impegno nei confronti dei diritti delle bambine e delle ragazze nel suo Paese e per il diritto all’istruzione per tutti i bambini del mondo.

La vita in Pakistan non è facile, specialmente per le donne, perché i talebani – un movimento militare ostile ad adattarsi alle società più moderne del pianeta – impongono una visione maschilista e chiusa del mondo: le bambine non possono frequentare la scuola, le donne sono costrette a indossare il burqa, musica, film e balli sono banditi, e i più fanatici promuovono anche attacchi armati alle scuole, perché temono che chi studia possa opporsi al regime di terrore che hanno creato.

Malala sfidò quel regime e, a soli undici anni, aprì un blog per la BBC sulla sua vita di tutti i giorni sotto i talebani, raccontando la paura e il terrore, ma anche i momenti felici con la sua famiglia. Grazie a questa pagina virtuale, Malala ha raggiunto un grande successo: interviste, conferenze, numerosi discorsi sull’importanza dell’istruzione e della pace.

Il successo della ragazza non è piaciuto però ai terroristi, che il 9 ottobre 2012 la attaccano sull’autobus scolastico, sparando a lei e alle sue amiche. Miracolosamente, Malala si è salvata nonostante la pallottola le abbia colpito la testa e poco dopo una lunga convalescenza in ospedale ha portato la sua testimonianza di quanto successo all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Lasciamo la parola a lei:

«Oggi tutti noi sappiamo che l’istruzione è uno dei nostri diritti inviolabili. E non solo in Occidente. Nel Corano è scritto che Dio vuole che noi abbiamo la conoscenza, vuole che sappiamo perché il cielo è blu e che impariamo a conoscere gli oceani e le stelle. So che si tratta di una battaglia molto dura: nel mondo ci sono ancora 57 milioni di bambini che non frequentano la scuola primaria, e di questi 32 milioni sono femmine. Ed è molto triste ricordare che proprio il mio paese, il Pakistan, è uno dei peggiori: 5,1 milioni di bambini che non vanno nemmeno alle elementari anche se la nostra Costituzione dice che tutti i bambini hanno il diritto di frequentare la scuola. Abbiamo quasi 50 milioni di adulti analfabeti, due terzi dei quali sono donne come mia madre. Prendiamo in mano i nostri libri e le nostre penne. Sono le nostre armi più potenti. Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo».

 
Condividi

Social wall

Car* Agenti 𝔾𝕆𝕆𝔻 ℕ𝔼𝕎𝕊! 😎

La #challenge più attesa del 2021, con l'obiettivo di coinvolgere e sensibilizzare le scuole italiane di ogni ordine e grado, le associazioni giovanili, quelle sportive e i CAG, rispetto ai temi dell'Agenda2030, sta ufficialmente per tornare!

Ebbene sì, il 𝟭𝟵 𝗴𝗲𝗻𝗻𝗮𝗶𝗼 ripartirà il progetto di Agente0011 con nuove sfide, nuove missioni e speriamo tant* nuov* Agenti!

Per presentare la nuova edizione del progetto, tutte le novità rispetto al portale e alle dinamiche di interazione e di gioco
⏰ 𝗠𝗮𝗿𝘁𝗲𝗱ì 𝟭𝟵 𝗴𝗲𝗻𝗻𝗮𝗶𝗼 𝗼𝗿𝗲 𝟭𝟳:𝟬𝟬 ci sarà un WEBINAR

📣 Docenti di scuole di ogni ordine e grado, educatori ed educatrici sono invitat* a partecipare a questo evento gratuito di presentazione del progetto.

Insieme ai protagonisti e alle protagoniste dell'iniziativa, esperti di metodologie didattiche, content creators, partner di progetto, scopriremo tutte le novità relative all'edizione di quest'anno, chiarendo i dubbi dei e delle docenti, illustrando le nuove funzionalità del sito e le nuove missioni.

COME PARTECIPARE? 📝
➡️ link in bio per registrarsi all'evento e ricevere il promemoria e le modalità di accesso alla live che si svolgerà su ZOOM.

Vi aspettiamo!! 🤩

@actionaiditalia @gruppo_la_fabbrica @zainetmagazine @uispnazionale
#agente0011 #agenda2030 #sdgs #nuovaedizione #challenge
...