Seguici su
Agente 0011

Vivere in Palestina da giovane

14 novembre 2018
Condividi:
Vivere in Palestina oggi, soprattutto per un giovane, è qualcosa di molto difficile. Anche ciò che a noi può sembrare scontato, come andare a scuola o semplicemente muoversi da un luogo a un altro, è  per i giovani palestinesi una vera sfida, a volte insormontabile.

Come per Kholoud una ragazza di 22 anni che ha sempre e solo vissuto nel villaggio di Beit Zakariya, in Palestina. Anche andare a scuola, per lei, è diventato praticamente impossibile: fino alle medie Kholoud ha potuto frequentare la scuola del villaggio di Beit Zakariya. Questo le ha permesso di avere un’istruzione di base e di cominciare e pensare a cosa le sarebbe piaciuto fare da grande. Dopo la settima classe, per continuare a studiare, ha dovuto spostarsi in una scuola di villaggio vicino. “Ci mettevo più di un’ora per andare a scuola e il tragitto era terribile” racconta Kholoud. “Una volta i soldati ci hanno fermati per controllare le borse. Eravamo tre amici e hanno perquisito solo me. Un’ora passata a vedere i soldati gettare i miei libri in strada e cercare qualcosa nella mia borsa. Mentre io assistevo alla scena in silenzio. Ero terrorizzata. L’unica cosa che ho potuto fare è stata raccogliere i miei libri da terra”. Questo è stato soltanto uno dei problemi che la ragazza ha avuto con i militari israeliani. Per questo motivo, Kholoud ha deciso di abbandonare la scuola.

Haitham, 14 anni, e Sofian, 13 anni sono fratelli e anche loro vivono nel villaggio. Sono due dei  5 figli di Fatma e vivono anche loro nel villaggio di Beit Zakariya. Se loro possono andare nel villaggio, per gli altri fratelli questo non è affatto scontato: gli altri fratelli, infatti, devono per forza spostarsi nella scuola dei villaggi limitrofi. Un’ora di autobus, che può anche rivelarsi molto pericolosa.

Perché capita, sempre troppo spesso, che i ragazzi vengano molestati, picchiati e messi in prigione. O addirittura che i militari sparino. È il motivo principale per il quale ragazzi e ragazze lasciano la scuola. Limitandosi, semplicemente, a trascorrere i loro giorni chiusi in casa.

Vuoi sapere di più sulla situazione della Palestina e sul lavoro di ActionAid per aumentare la resilienza delle comunità? Vai su https://www.actionaid.it/cosa-facciamo/vivere-in-palestina per saperne di più

Ricerca

join the community