Seguici su
Agente 0011

INDICE GLOBALE DELLA FAME 2018

15 ottobre 2018
Condividi:
L’Obiettivo di sviluppo sostenibile “Fame Zero” (SDG 2), ovvero “Porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile” sembra sempre più difficile da raggiungere.

L’Indice Globale della Fame 2018 (Global Hunger Index - GHI) pare confermare questa tendenza. Secondo GHI 2018, infatti, circa 124 milioni di persone soffrono di fame acuta rispetto agli 80 milioni di 2 anni fa.

La mappa qui sopra mostra il posizionamento di ogni Paese considerato nel rapporto, dal più basso al livello di fame più alto.

Secondo GHI 2018 la Repubblica Centrafricana è l’unico paese tra quelli considerati a presentare un livello di fame di categoria “Estremamente allarmante” mentre 6 paesi soffrono di fame “allarmante”: Ciad, Haiti, Madagascar, Sierra Leone, Yemen e Zambia”.

Nonostante questi dati, la tabella mostra un quadro piuttosto incoraggiante: 27 paesi hanno un livello “moderato” di fame mentre 40 sono di livello “basso”.

Persino alcuni paesi dell’Asia meridionale e dell’Africa a sud del Sahara – le regioni con i più alti livelli di fame e denutrizione – sono riusciti a raggiungere un livello moderato, come per esempio Gabon, Ghana, Mauritius, Senegal, Sudafrica e Sri Lanka.  

In generale, l’Indice Globale della Fame 2018 sottolinea che Fame e Denutrizione sono diminuite rispetto al 2000. Inoltre, paesi che hanno vissuto guerre civili e sofferto un livello di fame  “allarmante” sembrano mostrare un netto miglioramento non appena la loro situazione si è stabilizzata.

Nonostante questi elementi positivi, in molte parti del mondo raggiungere l’SDG 2 rimane complesso e si richiederà una velocizzazione della diminuzione della fame ma anche un aumento degli sforzi da parte della comunità internazionale per implementare le politiche attualmente in vigore e per affrontare le cause profonde all’origine della fame.

La repubblica centroafricana

La mappa in Fig.1 mostra chiaramente la gravissima situazione della repubblica centroafricana, con un punteggio GHI di 53,7, il più alto tra i paesi presi in considerazione nell’Indice. Alla base di questo punteggio, vi è l’altissima percentuale di denutrizione (61,8%) e il tasso di mortalità infantile al 12,4%. Destano grande preoccupazione anche i dati che riguardano l’arresto della crescita e il deperimento infantile.

Questa situazione è causata dall’instabilità del paese e dalla guerra civile iniziata nel 2012.

Secondo GHI 2018: “A dicembre 2017, in un paese di appena 5 milioni di abitanti, c’erano più di un milione di sfollati interni o internazionali (IDMC 2018). L’impossibilità per gli sfollati di partecipare alle attività agricole ordinarie pregiudica ulteriormente l’approvvigionamento di cibo e contribuisce all’insicurezza alimentare (FAO 2018). La situazione nella Repubblica Centrafricana mostra chiaramente il ruolo svolto dai conflitti e dalla migrazione forzata nell’aggravare la fame e la denutrizione.”

Il testo dell’Indice Globale della Fame 2018 al sito www.indiceglobaledellafame.org

 

Ricerca

join the community