Seguici su
Agente 0011

Ambiente e diritti umani

20 dicembre 2018
Condividi:
La mancata tutela dell’ambiente influisce sulla possibilità di garantire il rispetto dei diritti umani. Tuttavia il primo riconoscimento del legame tra l’ambiente e i diritti umani si è avuto solo nel 1972, nell’ambito della Conferenza di Stoccolma, quando è stata adottata la Dichiarazione delle Nazioni Unite sull’ambiente umano che, all’articolo 1, dice: «L’uomo ha un diritto fondamentale alla libertà, all’uguaglianza e a condizioni di vita soddisfacenti, in un ambiente che gli consenta di vivere nella dignità e nel benessere. Egli ha il dovere solenne di proteggere e migliorare l’ambiente a favore delle generazioni presenti e future».

Individuata per la prima volta una componente ambientale nella protezione dei diritti umani, negli anni seguenti altri trattati hanno fatto esplicito riferimento all’ambiente:

Incorporare il diritto all’ambiente nel sistema di tutela dei diritti umani è sicuramente un risultato importante, ma inevitabilmente limitato: la protezione dei diritti umani è per definizione incentrata sugli individui e la possibilità di chiedere la tutela del diritto all’ambiente rimane limitata alle iniziative dei singoli. In altre parole, si possono invocare diritti ambientali solo indirettamente, se si è vittime dirette di una qualche violazione di un diritto umano, ma non si può pretendere la tutela dell’ambiente come bene autonomo, in sé e per sé.

Due novità positive arrivano però da continenti diversi rispetto al nostro:

  • La Corte Interamericana dei diritti dell’uomo ha riconosciuto – solo per i popoli indigeni – la tutela dell’ambiente come bene autonomo, strettamente legato alla cultura, alla vita spirituale, nonché all’economia e alla sussistenza.

  • La Carta Africana dei diritti dell’uomo e dei popoli comprende una serie di diritti della collettività grazie a cui si riconoscere la tutela dell’ambiente in relazione non solo al diritto alla salute, ma anche ai diritti culturali e sociali dei popoli in generale.


Approfondite l’argomento leggendo questo articolo di Matilde Lombardi.

 

DOWNLOAD:

Ricerca

join the community