Seguici su
Agente 0011

Malattie non trasmissibili? No, grazie!

08 novembre 2017
Condividi:
La salute non è solo una questione di dottori e medicine, ma anche un problema di comportamenti.
L’OMS individua infatti una particolare categoria di malattie, che causa circa il 68% dei decessi, specialmente nei Paesi più ricchi, che chiama “non-communicable disease”, ossia malattie non trasmissibili e non causate da agenti infettivi.



Ne fanno parte il diabete, il cancro, l’osteoporosi, le cataratte, le malattie del cuore, ecc...



Abbiamo chiesto agli Agenti 0011 di informarsi su queste malattie e attraverso la missione "Basta una medicina?" realizzare uno spot informativo.



Tra i tanti contributi arrivati abbiamo scelto di mostrarvi quello della classe VA della Scuola Primaria di Vernole (LE). 



Di seguito riportiamo la loro riflessione.
Le malattie non trasmissibili, soprattutto quelle cardiovascolari, il cancro, il diabete e i disturbi respiratori cronici, rappresentano oggi il principale rischio per la salute e lo sviluppo umano e costituiscono la principale causa di morte nel mondo.



Le malattie non trasmissibili sono il cancro, il diabete, le malattie del cuore, l’obesità e persino la depressione.



Le conoscenze scientifiche dimostrano che è possibile ridurre le malattie non trasmissibili se vengono applicate azioni di prevenzione.



Sebbene la mortalità dovuta alle malattie non trasmissibili si verifichi principalmente in età adulta, l’esposizione ai fattori di rischio comincia sin da piccoli.



È importante quindi adottare comportamenti corretti sin dall’infanzia.



In passato si riteneva che per la salute ci si dovesse occupare esclusivamente dell’assistenza medica ma oggi lo scenario è differente.



Infatti, se da una parte sono importantissime le cure mediche per prolungare la sopravvivenza e per migliorare alcune gravi malattie, dall’altra bisogna riconoscere una grande importanza ad un ambiente di vita sano e positivo attraverso un corretto stile di vita.



È indispensabile ridurre quindi i principali fattori di rischio: il consumo di tabacco, l’inattività fisica, il consumo dannoso di alcol ed abitudini alimentari errate. E allora?



Cominciamo a nutrirci con cibi sani, freschi, nutrienti e poco calorici; consumiamo frutta e prodotti locali e stagionali e non dimentichiamo l’esercizio fisico, basta infatti una camminata veloce ogni giorno per tenersi in forma e fare una prevenzione incredibile.



Ora che abbiamo tutte queste informazioni non possiamo più far finta di nulla.



E allora pronti ad iniziare? 

 

I SuperSustainable

Ricerca

join the community