Seguici su
Agente 0011

#Goodnews del Lunedì – Accesso all’acqua come diritto umano: la battaglia delle donne di El Salvador

29 giugno 2020
Condividi:
Quotidianamente, nelle nostre case molti di noi possono utilizzare acqua potabile a volontà per lavarsi, cucinare, pulire dimenticandosi che spesso, in molte aree del pianeta, ciò che per noi è scontato per altre persone non lo è affatto. L’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari è stato riconosciuto dalle Nazioni Unite come “diritto umano fondamentale” attraverso la storica risoluzione del 2010 di New York e la sua importanza è ribadita nell’ Obiettivo di Sviluppo Sostenibile 6 (SDG Goal 6). Nonostante gli impegni presi a livello internazionale da molti Stati, si stima che nel 2030 ancora 20 milioni di cittadini non avranno accesso all’acqua potabile. 

Tradizionalmente in contesti in via di sviluppo le donne hanno svolto, e tutt’ora svolgono, un ruolo fondamentale per l’approvvigionamento di acqua per le loro famiglie, spesso percorrendo lunghi chilometri trasportando giare molto pensati per raccogliere acqua potabile. Tuttavia, il ruolo delle donne è molto marginale rispetto a quello degli uomini quando si tratta di prendere decisioni sulla gestione dell’acqua. Ciò crea dei forti squilibri di potere e opportunità per il genere femminile.  

Di questo ne sono ben consapevoli le donne del Collettivo Femminista per lo Sviluppo Locale (Colectiva feminista para el Desarrollo Local) della municipalità di Suchitoto nel El Salvador, paese dell’America Centrale bagnato dall’Oceano Pacifico e confinante con Guatemala e Honduras. Questo gruppo di donne, attivo da 15 anni a livello nazionale, ha supportato il diritto all’ accesso ad acqua potabile e servizi sanitari attraverso una gestione collettiva, efficiente e sostenibile e con una particolare attenzione alla questione di genere.  

Il risultato è che in questa comunità, le donne svolgono un ruolo fondamentale nella gestione delle risorse idriche e diritti di accesso all’acqua, tanto che hanno promosso un referendum sull’accesso all’acqua come diritto umano a Suchitoto nel maggio del 2017 che vinse con il  98% di voti a favore (poi riconfermato nel 2019). Ciò dovrebbe contribuire ad un framework legale che assicuri l’accesso all’acqua da parte di tutti con la questione dell’equità di genere al centro della normativa. 

Dal 2014 il collettivo ha portato avanti un programma di  Acqua e Equità di Genere integrando la giustizia ambientale e i principi del  femminismo nella gestione delle risorse idriche. L’obiettivo è quello di  ridurre gli squilibri di opportunità e poter del genere femminile attraverso l’empowerment delle donne nella gestione dell’acqua e influenzare politiche pubbliche, battendosi affinché le leggi locali sull’acqua vengano implementate. 

Inizialmente il programma ha previsto corsi di formazione e campagne di sensibilizzazione, il rafforzamento delle abilità dei comitati di gestione di acqua e servizi sanitari con particolare attenzione al ruolo delle donne. Questo ha significato ripensare a ruoli e responsabilità nonché il riconoscimento della diversa conoscenza che uomini e donne possono avere sulla risorsa idricaIl collettivo fornisce anche corsi di formazione tecnico-amministrativi e collabora al rafforzamento dell’infrastruttura per la distribuzione dell’acqua, che ad oggi si sta espandendo e copre completamente tutta la municipalità.  

In generale, le donne sono diventate più visibili e in grado di far sentire la loro voce all’interno dei comitati di gestione. Alcune sono presidenti dei comitati, altre sono delegate nelle assemblee generali. Nonostante i grandi successi ottenuti, il lavoro di questo gruppo di donne determinate non è ancora terminato. Infatti, questi sforzi non si sono tradotti in una eguale partecipazione nei processi di decisione politica delle donne in tutti i comitati delle 35 comunità che compongono la municipalità. 

Il collettivo fa parte di una rete più ampia globale, lGlobal Alliance for Green and Gender Action (GAGGA), un network che supporta movimenti locali che si battono per i diritti delle donne e per la giustizia ambientaleamplificando ulteriormente le lotte e le soluzioni delle donne locali, fornendo supporto finanziario a organizzazioni e movimenti in più di trenta paesi tra America Latina, Asia, Africa ed Europa.  

Per saperne di più https://gaggaalliance.org/stories/women-in-el-salvador-are-ensuring-the-recognition-of-water-as-a-human-right/ 

Per approfondire SDG 6: https://asvis.it/approfondimenti/208-2503/goal-6-laccesso-allacqua-come-diritto-umano-universale#.XvWl1mgzbIU 

Ricerca

join the community