Seguici su
Agente 0011

Ghana: un lavello ad energia solare per combattere il virus!

15 giugno 2020
Condividi:
#goodnews del lunedì!

Spesso le idee più brillanti e innovative, spinte da circostanze di necessità,  nascono quando meno ce lo si aspetta. Lo sanno bene Richard Kwarteng, 32 anni, e suo fratello Jude Osei  i quali hanno avuto un’idea davvero interessante per contribuire a diffondere buone pratiche igieniche, fondamentali per la prevenzione del COVID-19: costruire un lavello interamente alimentato ad energia solare.

Richard è un giovane calzolaio del Ghana, paese dell’Africa Occidentale,  che vive a Kumasi, capoluogo della regione di Ashanti. Appresa la notizia dell’imminente lockdown di due settimane imposto dal governo Ghanese, ha pensato di riciclare un vecchio barile che aveva a disposizione e riutilizzarlo come lavello per le mani. Così, a meno di due giorni dall’inizio della chiusura, i ragazzi si sono recati al mercato locale e hanno acquistato tutto l’occorrente per realizzare la propria idea: un lavello, un rubinetto, un pannello solare, un sensore, un allarme allarme e del sapone.

Con l’aiuto di un amico elettricista, i ragazzi hanno programmato il lavello solare per rilascare un getto d’acqua con sapone quando le mani entrano in contatto con il sensore posizionato sotto il rubinetto.  Al termine di 25 secondi (così come raccomandato dalle linee guida internazionali), l’allarme indica che il tempo del lavaggio è finito e l’ acqua viene rilasciata per risciacquare le mani.

I ragazzi ci hanno messo 5 giorni in totale per terminare la loro idea. In seguito hanno girato un video per dimostrare come funziona e lo hanno postato sui social media, riscuotendo un enorme successo.

Nei giorni successivi al video che è diventato virale, il ministro Ghanese per l’Ambiente, Scienza e Tecnologia e Innovazione ha contattato i due ragazzi per esplorare la possibilità di creare simili lavelli da posizionare nelle altre città del paese. Ma il giovane calzolaio di Kumasi non si ferma qui, infatti la sua visione è quella di rendere disponibile il dispositivo per l’intero continente Africano!

Come riporta la CNN, Richard e suo fratello hanno anche ricevuto un riconoscimento pubblico nel discorso effettuato dal presidente del Ghana, Akufo-Addo, il quale ha elogiato il fruttuoso senso di iniziativa imprenditoriale e innovazione presente tra i giovani del paese.

https://it.wikipedia.org/wiki/Ghana

Video: https://www.instagram.com/tv/CADgzoOlmWt/?utm_source=ig_embed

Articolo: https://edition.cnn.com/2020/05/09/africa/ghana-coronavirus-handwash/index.html?

Ricerca

join the community